Wiser

Nel mondo ci sono più di un milione di organizzazioni, le quali al loro interno contano svariati milioni di persone, che si danno da fare per la sostenibilità ecologica, la giustizia economica, la protezione dei diritti umani e tutti gli altri problemi che sono sistematicamente interconnessi tra loro.

Ma tutto ciò non è sufficiente perché l’efficienza nel prevenire i danni ed instaurare dei cambiamenti positivi nella società spesso è compromessa dalla nostra mancanza di consapevolezza collettiva.

collettiva.

Wiser

collettiva.

Quello che fino ad oggi è mancato è una mappa che includesse le risorse per la comunicazione e la cooperazione; essenzialmente un’infrastruttura attraverso la quale coordinare gli sforzi. Wiser nasce proprio da questo bisogno, il fornire uno strumento per meglio collegarsi e rendere più efficiente il lavorare insieme.

Il social network è stato lanciato il 22 Aprile 2007, giorno dell’ Earth Day, ed è stato lanciato da Paul Hawken.

Il sito comprende più di 1 milione di risorse sulla sostenibilità e il cambiamento sociale, nonché un database di oltre 114 mila organizzazioni non governative e che lavorano nel sociale.

 

Wiser

Wiser width=

 

Il controllo della piattaforma è collettivo. La licenza utilizzata è una Creative Commons per la condivisione dei materiali su internet e l’organizzazione mette a disposizione il codice della piattaforma, per permettere a chiunque di sviluppare una versione Open Source della stessa. 

Dalla trasmissione del sapere e la messa in connessione di tanti soggetti, scaturisce un flusso di comunicazione che si condensa in una nuvola di conoscenza a disposizione della collettività.

Tra gli utenti della piattaforma Wiser.org, ormai più di 75.000, ci sono anche i membri del movimento di transizione che si sono avvalsi del software condiviso disponibile su Wiser.org per costituire e sostenere iniziative di transizione a livello locale.

 

Connettere le persone, condividere le conoscenze e costruire alleanze è la missione di Wiser!

 

www.wiser.org

 

 

Rate this article: