Home > Sociale > Transition network

Transition network

Negli ultimi anni, il picco del petrolio ed i cambiamenti climatici hanno toccato l’interesse di molti, in particolare per quanto riguarda il picco petrolifero, le soluzioni sono state deboli e deludenti.

Il movimento della Transizione, meglio conosciuto come movimento delle Transition Towns, è un movimento nato in Inghilterra nel 2006 dalle idee di Rob Hopkins proprio partendo da questa tematica.

Rob insegnava a Kinsale (Irlanda) e con i suoi studenti creò il Kinsale Energy Descent Plan un progetto strategico che indicava come la piccola città avrebbe dovuto riorganizzare la propria esistenza in un mondo in cui il petrolio non fosse stato più economico e largamente disponibile.

Da tutto questo, quasi per caso, è nato il movimento di transizione!

La Transizione è un movimento culturale impegnato nel traghettare la nostra società industrializzata, dall’attuale modello economico profondamente basato su una vasta disponibilità di petrolio a basso costo e sulla logica di consumo delle risorse, a un nuovo modello sostenibile non dipendente dal petrolio e caratterizzato da un alto livello di resilienza.

La resilienza è la capacità di un certo sistema, di una certa specie, di una certa organizzazione di adattarsi ai cambiamenti, anche traumatici, che provengono dall’esterno senza degenerare, in sintesi una sorta di flessibilità rispetto alle sollecitazioni.

 

Transition Network

I progetti di Transizione mirano a creare comunità libere dalla dipendenza dal petrolio e fortemente resilienti attraverso la ripianificazione energetica e la rilocalizzazione delle risorse di base della comunità (produzione del cibo, dei beni e dei servizi fondamentali).

L’ obiettivo non è lanciare una campagna contro qualcosa, ma è piuttosto focalizzare l’attenzione sul potenziale positivo e sulle nuove opportunità. Iniziative di questo tipo stanno nascendo lentamente in molti stati del mondo.

Il movimento non è in competizione con altri movimenti, associazioni, organizzazioni, anzi offre i propri strumenti e le proprie piattaforme concettuali a chiunque le voglia utilizzare.

 

Transition Network

 Transition Network

 

 

Sul sito ufficiale sono elencati e ben spiegati tutti i principi e le iniziative del progetto.

Per una esposizone ancor più dettagliata del concetto di Transizione, consigliamo la lettura del libro ‘The Transition Handbook: from oil dependency to local resilience’ di Rob Hopkins.

Possediamo tutte le tecnologie e le competenze necessarie per costruire in pochi anni un mondo profondamente diverso da quello attuale, più bello e più giusto. La crisi profonda che stiamo attraversando è in realtà una grande opportunità che va colta e valorizzata. Il movimento di Transizione è lo strumento per farlo!

 

www.transitionnetwork.org