Riversimple

Urban car ad idrogeno: la futuristica Riversimple!

Le attuali automobili a combustibile fossile (benzina, diesel, gas metano e Gpl), ma anche quelle spinte da un motore a biocombustibili derivati da residui di produzioni alimentari o dai rifiuti, sono ormai tecnologicamente obsolete e comunque non in grado di salvaguardare in maniera efficace il patrimonio ambientale.

Un incredibile mezzo invece per combattere l’inquinamento sono le vetture a emissione zero, elettriche o a idrogeno. Ecologiche ed economiche, sono perfette per limitare costi e l’impatto sull’ambiente.

E’ proprio in mezzo a questi scenari che ha visto la luce la piccola società inglese Riversimple, nata per volere di Hugo Spowers, ex ingegnere di macchine sportive e pilota di corse, che alla fine degli anni novanta ha deciso di restituire all’ambiente quanto da lui tolto durante gli anni di corse a tutta velocità.

Il gruppo inglese dichiara come proprio scopo il “consentire alla gente di muoversi in maniera sostenibile”.

 

Riversimple Riversimple

Riversimple

 

La macchina in fase di progettazione dalla Riversimple è una city car da due posti simile nelle forme ad una Smart, dal peso di 350 Kg con una velocità di punta di 80 km/h e una autonomia di almeno 320 Km che equivalgono a 100 Km ogni litro di idrogeno con emissione a vapore acqueo.

Le celle ad idrogeno avranno una potenza di 6kW e ciascuna ruota sarà sospinta da un motore elettrico indipendente. Al posto di una batteria classica la macchina farà uso dei nuovi ultracondensatori per immagazzinare l’energia necessaria per i controlli.

E per concludere in bellezza, la lieta notizia che, una volta raggiunto il modello definitivo, i disegni della Riversimple verranno pubblicati sulla piattaforma online della 40 Fires Foundation, seguendo la filosofia open source, disponibili a chiunque volesse consultarli per produrre modelli simili e competitivi, così da incentivare la produzione di simili vetture e, consequenzialmente, il loro acquisto!

 

 

 www.riversimple.com

 

Rate this article: