OpenBci

Parte ancora una volta da una campagna crowdfunding, lanciata da Conor Russomanno e Joel Murphy, l’idea per finanziare un progetto davvero interessante.

Si chiama OpenBCI (BCI è l’acronimo di Brain Computer Interface) e consiste in un kit open-source a basso costo, compatibile con Arduino, che interfaccia il cervello ed un computer e fornisce a chiunque un accesso ai dati delle onde cerebrali.

 

Dal 1912, anno del primo utilizzo di un’elettroencefalografia, gli strumenti per leggere le onde cerebrali sono stati utilizzati per misurare i segnali elettrici deboli che il nostro cervello emette quando pensiamo, dormiamo, ci muoviamo o meditiamo.

Purtroppo però i dispositivi di monitoraggio EEG innovativi si basano su sistemi hardware e software proprietari, e la maggior parte della ricerca attuale in BCI si svolge presso agenzie governative e a livello universitario, nonostante il mercato dei dispositivi BCI per l’uso al di fuori di un ambiente di laboratorio stia crescendo esponenzialmente.

 

OpenBci

Infatti negli ultimi anni, un certo numero di piattaforme EEG commerciali sono emerse, introducendo la tecnologia BCI in campi quali i giochi, la terapia cognitiva, l’arte e la moda.

Ed è in risposta proprio a questa esigenza che la squadra di OpenBCI vuole costruire una piattaforma aperta consentendo agli utenti di accedere ai dati grezzi delle onde cerebrali, senza algoritmi proprietari.

 

Con i finanziamenti ricevuti OpenBCI ha sviluppato un auricolare personalizzabile che utilizza elettrodi (EEG) per registrare i segnali elettrici del cervello.

Utilizza il chip ADS1299 da Texas Instruments a 8 canali a basso rumore e un convertitore analogico-digitale a 24 bit progettato specificamente per misurare minuscoli segnali cerebrali.

 

OpenBci

/>

EyeBlinkAlpha-1024x655 OpenBci

 

OpenBCI è compatibile con qualsiasi tipo di elettrodo e può interfacciarsi alle più moderne piattaforme di prototipazione elettronica come Arduino.

L’ idea è quella di permettere di controllare dispositivi con il segnale cerebrale attraverso algoritmi, software ed elaborazione del segnale stesso.

 

Un progetto quindi interessantissimo, che data la sua natura opensource, aprirà (in questo caso letteralmente) le menti di moltissime persone.

www.openbci.com

Rate this article: