Home > Sociale > MafiaLeaks

MafiaLeaks

“Questa è MafiaLeaks e il suo scopo è quello di raccogliere informazioni riguardanti le attività mafiose direttamente dall’interno delle stesse. Attraverso la nostra piattaforma potrai denunciare qualsiasi attività di tipo mafiosa e puoi stare certo che la tua voce resterà anonima perchè neanche noi sappiamo chi sei.”

 

Con questo messaggio si apre la home page di MafiaLeaks, un sito web raggiungibile da chiunque, figlio degli sforzi di un gruppo di anonimi volontari il cui obiettivo è fare da ponte con giornalisti, forze dell’ordine e associazioni che lottano contro la criminalità organizzata.

 

L’ idea, incredibilmente semplice quanto straordinaria, è quella di creare una WikiLeaks contro la criminalità organizzata, sfruttando la navigazione anonima della tecnologia TOR e i sistemi GlobaLeaks, gli strumenti ideali per dare coraggio a chi sa qualcosa, che si tratti di una vittima, di un testimone o anche di un pentito, progettati specificatamente per proteggere l’identità del whistleblower ma anche di coloro che gestiscono il sistema.

 

MafiaLeaks

MafiaLeaks

 

 

E’ quindi possibile fare delle segnalazioni anonime, e una volta inviate le informazioni potrai decidere tu a chi reindirizzarle. Per organizzare lo smistamento delle informazioni il sito le suddivise in 3 grandi macro categorie:

 

Whistleblowers: per persone interne ai clan mafiosi che hanno deciso di denunciarne gli illeciti in maniera anonima.

 

Vittime: per persone che da tempo o per la prima volta sono vittime di attività di stampo mafioso e che vogliono segnalare uno o più abusi.

 

So qualcosa: per persone che sono venute a conoscenza di informazioni riguardanti qualunque attività di tipo mafioso.

 

 

Chi riceve tale segnalazioni?

 

In MafiaLeaks è presente una lista chiamata “persone fidate” dalla quale si potrà scegliere a chi inviare le informazioni, avendo a disposizione un elenco che comprende esponenti di spicco di forze dell’ordine, giornalisti e associazioni antimafia.

Una nuova speranza.

 

 

 

www.mafialeaks.org