Home > For Geeks > GCW-Zero

GCW-Zero

Dalla mente di Justin Barwich e un team di sviluppatori homebrew, arriva un barlume di speranza per tutti gli amanti dell’emulazione, dato che le varie console esistenti hanno incentivato i loro sforzi nel bloccare i tentativi di hacking tramite continui aggiornamenti del firmware.

 

GCW-Zero

 

 

 

Si chiama GCW-Zero e nasce per coprire un vuoto nel campo dei videogiochi, infatti è una console portatile pensata per il retrogaming (ossia per riprodurre tutti quei titoli che hanno anticipato la prima PlayStation), ed è la degna erede del Dingoo A320.

Una caratteristica di rilievo della GCW-zero, che la distingue dalle console android portatili che stanno nascendo, è sicuramente la natura completamente open-source, sia dell’hardware che del software!

Ad una pre-produzione iniziale di qualche centinaio di unità, ha fatto seguito l’ormai consueta iniziativa crowdfunding per raccogliere i fondi necessari alla produzione di 3000 unità.

 

La console GCW-Zero come specifiche dispone di un processore MIPS Ingenic JZ4470 da 1 GHz, con grafica Vivante GC860 e display da 3.5 pollici (320 x 240 pixel) che, nonostante questa risoluzione, risulta perfetto per i giochi più vecchi progettati per schemi poco definiti. E’ completa di connessione Wi-Fi, USB, uscita video e audio e non manca una porta HDMI per collegare la console ad uno schermo esterno.

 

 

GCW-Zero

GCW-Zero

 

Come comandi troviamo la classica croce direzionale, un pad analogico e gli ormai usuali accelerometri. Per quanto riguarda la memoria di massa la console dispone di 2 slot micro sd, uno interno ed uno esterno.

Alla base della GCW Zero troviamo la distribuzione Linux OpenDingux, mentre lo sviluppo dei giochi sarà supportata dal GCW Zero Toolchain, e stando a quanto dice Barwick, la GCW Zero potrà eseguire i classici giochi per PC, emulare le console ed utilizzare giochi homebrew, il tutto con un elevato frame rate!

 

Tutte le caratteristiche sono documentate e aperte a qualunque modifica e miglioramento, e proprio grazie alla sua apertura, sono già stati effettuati moltissimi porting da altre console simili, sia del sistema operativo, che di giochi ed emulatori.

 

 

www.gcwzero.com