Home > Condividi > Foodsharing > Bring the food

Bring the food

Basta sprechi di cibo grazie a Bring The Food!

Il progetto  è sviluppato dalla fondazione Bruno Kessler (Fbk) di Trento. Si tratta di un’applicazione web/mobile ancora in fase sperimentale in Italia che consente a donatori occasionali o regolari di pubblicare le proprie offerte e monitorarle.

Il progetto, finora è stato finanziato direttamente con il budget dell’unità di ricerca Ict for Good all’interno delle normali attività istituzionali, ma il team di sviluppatori è alla ricerca di finanziamenti da dedicare direttamente allo sviluppo e alla sostenibilità dell’applicazione.

 

Bring the food

 

Le società moderne vivono spesso di contraddizioni: da un lato il consumismo spinto, che porta spesso a gettare nei rifiuti cibo ancora buono da mangiare e dall’ altro un numero crescente di persone che si rivolgono alle associazioni per avere di che sfamarsi. Questo paradosso può essere risolto, in parte, cercando un punto d’ incontro tra chi ha troppo e chi nulla. Bring The Food è un’ organizzazione che reperisce alimenti non utilizzati ma ancora in ottimo stato, per distribuirli ai più bisognosi.

 

Bring the food

Bring the food

 

FBK ha ideato infatti un sistema che permettea chiunque lo desideri di segnalare le eventuali eccedenze di cibo da mettere a disposizione per chi ne ha bisogno. Chi ha eccedenze è tenuto a specificare il quantitativo disponibile (numero di porzioni) e la scadenza dell’alimento; chi raccoglie e ridistribuisce gli alimenti ha la possibilità di vedere su una mappa le offerte disponibili in zona, prenotarle e accordarsi per il ritiro direttamente con il donatore.

 

L’applicazione, sottolinea Adolfo Villafiorita, responsabile di Ict for good  è matura e pronta per essere sperimentata sul campo, riscontrando particolare interesse da parte di gruppi di ricerca di Germania, Israele, Canada e Stati Uniti.

 

Create e gestite la vostra rete di donatori, volontari e beneficiari direttamente dal vostro PC o Smartphone!

 

 www.bringthefood.org

 

Rate this article: